Giotto e il Novecento. Dall'8 dicembre al Mart di Rovereto

a cura di Alessandra Tiddia


Nel primo Novecento Carlo Carrà, Mario Sironi e Arturo Martini ma anche Gino Severini, Massimo Campigli, Achille Funi, Ubaldo Oppi rintracciano in Giotto il principale testimone di una tradizione artistica alla quale guardare.


Carlo Carrà, "Le figlie di Loth", 1919, olio su tela, Mart, Collezione VAF-Stiftung
Carlo Carrà, "Le figlie di Loth", 1919, olio su tela, Mart, Collezione VAF-Stiftung


Successivamente l'eredità giottesca influenza l'opera di alcuni protagonisti dell'arte italiana come Giorgio Morandi, Fausto Melotti, Mario Radice, Lucio Fontana ma anche il lavoro di alcuni grandi artisti internazionali come Henri Matisse, Yves Klein, Mark Rothko, Josef Albers, Tacita Dean e James Turrel.


La mostra al Mart di Rovereto (8/12/2022 - 19/3/2023) presenta più di 200 opere di artisti moderni e contemporanei ispirate all'arte di Giotto, il maestro che rivoluzionò la pittura medievale.


Info:

Mart

Corso Angelo, Corso Bettini, 43, Rovereto (TN)

da giovedì 08 dic 2022 | a domenica 19 mar 2023

a cura di Alessandra Tiddia