top of page

Le ultime novità dalla terza edizione di Roma Arte in Nuvola

La fiera internazionale di arte moderna e contemporanea che si terrà dal 23 al 26 novembre presso la Nuvola di Fuksas, promette ambiziose novità.


Sono oltre 150 le gallerie che prenderanno parte all'evento fieristico: Roma Arte in Nuvola vuole consolidarsi non solo come polo fieristico del centro Italia, ma dell'intera nazione, e si propone di superare gli oltre 36.000 visitatori della scorsa edizione.


Nuvola, Roma

La ''Nuvola'' di Fuksas vista dall'esterno. Courtesy Roma Arte in Nuvola



L'area espositiva occuperà più di 14.000 metri quadri con un'offerta variegata: dall'arte moderna all'arte contemporanea, e abbraccerà diversi media artistici, dalla pittura, scultura, alle installazioni audio visive e performance.

Incrementa anche l'entusiasmo da parte delle gallerie straniere che vogliono essere presenti a Roma: da Londra, Parigi, Barcellona, ma anche Osaka, Tel Aviv, Dubai e New York.

L'area espositiva sarà divisa in tre sezioni, la ''Main Section'' occuperà la gran parte degli spazi e ospiterà le gallerie d'arte nazionali e internazionali con i loro grandi booth espositivi; nei ''Solo Show'' ci saranno focus dedicati a un singolo artista, mostre personali che faranno emergere il progetto e il concept curatoriale. Infine, l'area ''New Entries'' verrà dedicata completamente all'arte sperimentale e alle ultime novità dei new media e ai suoi linguaggi di ricerca, per attrarre giovani collezionisti.

Anche quest'anno ci sarà un focus su un paese che verrà ospitato per esporre i suoi talenti: se nelle ultime edizioni era toccato a Israele e Ucraina, l'edizione del 2023 celebrerà l'Australia, che ospiterà all'interno del suo spazio una mostra dedicata all'arte aborigena dal titolo ''Threads and Lands'', a cui prenderanno parte gli artisti Witjiti George, Nyunmiti Burton, Yaritji Heffernan e Zaachariaha Fielding, che concentrati sulla materialità dell'opera, esporranno dipinti, sculture, ma anche arazzi e opere in legno in grado di mostrare la maestria dietro la sua lavorazione.

Roma Arte in Nuvola è anche forte del sostegno della collaborazione tra il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e del Ministero della Cultura che esporranno nella capitale per la prima volta visibili al pubblico, ben quaranta opere provenienti dalla Collezione Farnesina, che annovera artisti come Mimmo Paladino, Agostino Iacurci, Michelangelo Pistoletto, Afro e Tommaso Binga.


Con queste premesse, la fiera diretta da Alessandro Nicosia con la direzione artistica di Adriana Polveroni, sarà sicuramente un evento da non perdere a novembre nella Capitale.



Per informazioni:

Comentários


bottom of page